Living in quarantine

“...si sveglió da un lungo sonno, sbadiglió, si stiracchió e, alla fine, aprì gli occhi del tutto. Per un paio di minuti, però, rimase sdraiato nel letto, senza muoversi, come una persona che non è ancora pienamente sicura se sia desta o se dorma tuttora, e se vero e reale sia tutto ciò che le si svolge intorno, o se sia la continuazione delle disordinate fantasticherie dei suoi sogni...”

Dostoevskij - Il sosia

...(he) woke up from a long sleep. He yawned, stretched, and at last opened his eyes completely. For two minutes, however, he lay in his bed without moving, as though he were not yet quite certain whether he were awake or still asleep, whether all that was going on around him were real and actual, or the continuation of his confused dreams..."

Dostoevsky - The double

L1070121.png
L1020267_b.jpg
L1070119.png
L1070112.jpg
L1020521.jpg
L1070111.jpg
L1070114.jpg
L1020534.jpg
L1070116 copia.jpg
L1020764.jpg
L1070360.jpg
L1020725.png
L1020888.jpg
L1020748.jpg
L1020925.jpg

© Federica Cocciro 2020